martedì 1 marzo 2011

Nuovi algoritmi di Google per Aggregatori e Content farms

In questi giorni si sta parlando molto su questi update che colpiranno aggregatori e content farms e immagino che su google.com la discussione sia aperta ancora più ampiamente visto che è già arrivato e ha creato scompiglio in siti di grosse dimensioni e con un trust elevato...

Con questo post vorrei un attimo
condividere dubbi ed esperienze che potranno trovare conferme e anche disaccordi ovviamente visto che nel web ognuno può avere i suoi punti di vista soprattutto nella SEO...

Questo è un argomento che penso prema a molti se non a tutti, visto che tutti i giorni abbiamo a che fare con "sitarelli" che si fingono aggregatori e che spesso e volentieri, sì mettono il trafiletto e citano la fonte originale, ma i più furbetti mettono il tag nofollow pensando di passarla lisca... questi sono quelli peggiori che se non già penalizzati spero lo siano con il nuovo update.. Ovviamente ci sono anche aggregatori definiti di qualità e utili per l'utente, dove su qualcuno posso dire la stessa cosa pure io. Su questo sono proprio curioso di vedere come si comporterà il nuovo update, visto che comunque Google da la possibilità di dichiarare se un sito è un aggregatore o meno...


Poi ci sono i siti di article marketing e comunicati stampa che a mio avviso potrebbero anche esistere, senza potrebbero, perché a mio avviso alcuni sono anche utili con una redazione dietro che crea contenuti originali e inediti, oltre che dare la possibilità ad altri di pubblicare eventi e notizie reali, dove chi li scrive non è per forza un SEO, anzi è una persona comune che non ne sa niente di questo settore e penso che Google dovrebbe tenere conto anche di questo fattore. Su questo punto mi vorrei soffermare un attimo perché mi preme davvero tanto visto che ho a che fare pure io con questo argomento! Guardando un po' come si muovono questi siti nelle Serp; se un comunicato stampa (termine che ha perso parecchio valore con il tempo...) è davvero un comunicato stampa a mio avviso in qualche modo Google riesce già a riconoscerlo... non chiedetemi come ma guardando un po' di cosette a me sembra che già riconosce autorevolezza del sito, numero dei contenuti originali dentro il sito, cosa vuole comunicare il singolo testo, se il contenuto è fresco (ovvero se è una notizia del giorno e non una di un mese fa già pubblicata e ripubblicata solo per la SEO...) e tantissimi altri fattori. Dico questo perché guardando e facendo alcune prove anche per sbaglio ho visto che in qualche modo comunque Google omette già i risultati per certi tipi di testi, mentre per altri testi anche se già pubblicati su diversi siti non li omette tutti! Faccio un esempio pratico che non so se possa esser chiaro a tutti:
Se pubblico una notizia in 10 siti diversi lo stesso giorno, il giorno stesso vedremo indicizzare il testo nei 10 siti, ma già dopo un po' di tempo alcuni risultati verranno omessi per mettere in evidenza i risultati più autorevoli, dove anche qui penso valuti diversi fattori dei siti fra cui quelli citati prima...
Il problema secondo me di questi siti è che purtroppo c'è anche chi se ne approfitta pubblicando la stessa notizia a distanza di intervalli di tempo sperando che nessuno se ne accorga senza fare la fatica di scriverne uno nuovo, penalizzando siti che in buona fede approvano la "notizia". Comunque basterebbe leggere un po' le notizie inviate per capire chi davvero vuole comunicare qualcosa anche mettendoci un po' di SEO, ma almeno che si impegni a scrivere una notizia ogni volta. Nei casi peggiori ho visto anche inviare testi tradotti con il Google Traduttore........
Su questo argomento mi potrei soffermare davvero a lungo, anche del fatto che allora non avrebbero logica di esistere le licenze creative commons, e sarebbe difficile comunicare una notizia importante se si volesse divulgare su più siti... cosa che il web dovrebbe servire...

Ho scritto un po' di miei pensieri, ma non vi nascondo che in testa ne ho tanti tantissimi altri su questo argomento che spero Mister G, sappia gestire al meglio premiando chi si fa un mazzo nel scegliere le notizie e soprattutto a scriverle! :-P Comunque guardando la penalizzazione sul .com, mi sembra di aver capito che colpisca le pagine interne e non l'intero sito, come una sorta di Mayday che va a penalizzare tutti quei contenuti duplicati o di scarso valore (anche qui da capire bene cosa si intenda per scarso valore, anche se "qualche spunto" per capirlo Google dovrebbe averlo....ehehe! almeno speriamo!)

Vorrei scrivere tanto tanto altro, ma spero che possiate dire anche voi la vostra o almeno continuare la discussione per condividere esperienze e il vostro pensiero, vedendo anche altri commenti in altre discussioni che a mio avviso potrebbero essere anche troppo cattivi su siti di comunicati stampa e article marketing...oddio su alcuni si concordo, ma comunque se non si è dentro, non si può capire che non siamo tutti SEO per fortuna e in mezzo ci sono persone comunissime che vogliono comunicare qualcosa seppur poche che però non immaginate quanto diano soddisfazione....:-)

Ho scritto questo post tutto d'un fiato e spero di aggiornarlo con buone notizie dopo l'update di Google....:-)

Maggiori info sull'update sul blog ufficiale: http://googleblog.blogspot.com/2011/01/google-search-and-search-engine-spam.html